La dieta più efficace per prevenire l’influenza

I cibi che aiutano il nostro organismo a evitare i malanni di stagione

Con i primi freddi ritornano loro, i fedeli (purtroppo) amici dell’inverno: raffredore, tosse e altri fastidiosi sintomi. Giocare d’anticipo può dare una marcia in più all’organismo nel prevenire le diverse infezioni o, una volta contratte, rendere il corpo più forte nell’affrontarle. Per non farci trovare impreparati, allora, è possibile seguire alcuni consigli alimentari per prevenire l’influenza.

I principi di una dieta equilibrata

Il primo consiglio si basa sul buonsenso: per stare bene o combattere l’influenza è importante seguire una dieta sana e bilanciata. La dieta mediterranea rimane un importante punto di riferimento: frutta e verdura in abbondanza (cinque porzioni al giorno), cereali (meglio se integrali), pesce azzurro (fresco o surgelato), legumi (ideali se abbinati a riso o pasta), latte e latticini (con moderazione e per lo più magri), olio extravergine d’oliva (meglio se a crudo). A questo si aggiungono quantità moderate di carne (1-3 volte alla settimana, meglio se bianca), di uova e di insaccati. Oltre a questi consigli generali, va tenuto presente che alcuni alimenti aiutano in particolar modo a rinforzare il sistema immunitario. Andiamo a scoprire assieme quali sono e perché assumerli.

L’importanza della verdura

È importante preferire frutta e verdura fresche e di stagione, consumandole 2 o 3 volte al giorno ed entro pochi giorni dall’acquisto. Questo permette di ottenere il massimo in termini di vitamine e nutrienti. Da preferire cavolfiori, cavoli, broccoli e verza che sono ricchi, oltre che di vitamina C, di principi attivi dall’azione antinfiammatoria e antiossidante. Evitare di cucinarli a lungo, perché perderebbero le loro sostanze nutritive, preferibile invece consumarli crudi, sbollentati in acqua o passati in padella. Sono ricchi di vitamina C ed A, barriere contro i batteri, anche ravanelli, radicchio, sedano, porri, zucche, carote, pomodori e, soprattutto, peperoni.

Aglio, cipolla e spezie: le proprietà benefiche

Aglio e cipolla non solo danno maggior gusto ai piatti, arricchendoli di vitamine e sali minerali, ma hanno anche proprietà antisettiche. Assumerli aiuta a fluidificare ed eliminare il catarro e a tenere lontani virus e batteri. Le spezie non sono solo fonte di profumi intensi, ma conferiscono al cibo diverse proprietà. Per esempio, alcune rinforzano le difese immunitarie (zenzero, curcuma, cannella e un mix come il curry, dalla certificata azione antibatterica e antinfiammatoria). Va detto, infine, che curry, paprica e peperoncino sono fonti naturali di acido acetilsalicilico, un importante principio attivo contro le infiammazioni.

Perché mangiare la frutta fa bene all’organismo

In casa non deve mai mancare la frutta di stagione, che va consumata almeno 3 volte al giorno. Gli agrumi e i kiwi, ad esempio, sono ricchi di vitamina C, che aumentano le difese immunitarie e svolgono un’azione antiossidante. Portare in tavola una spremuta fresca al mattino è un’ottima ricetta per combattere l’influenza o prevenirla. Inoltre, ricorrere al limone, al posto o in aggiunta all’aceto, fornisce un extra aiuto alle difese naturali contro il raffreddore o il mal di testa.

Vitamine e minerali: assumerli attraverso i semi oleosi

Non tutti sanno che, oltre alla frutta e verdura di stagione, noci, nocciole, semi di zucca, lino, di girasole e di grano forniscono all’organismo numerosi elementi utili. Questi sono alimenti ricchi di vitamina E e alcuni minerali antistress, come zinco, magnesio e acidi grassi omega-3, utili contro infiammazioni articolari e dolori. Certamente consigliati come spuntino, soprattutto per chi fa sport o per rendere più energetico un contorno di verdure o una zuppa.