Lo sapevi che?

Hai domande, curiosità o richieste particolari riguardo all'integratore Carnidyn Plus e i suoi contesti d'uso? Prima di inviare la tua richiesta puoi consultare l'elenco delle domande più frequenti che ci vengono rivolte da chi ha acquistato o ha intenzione di acquistare il prodotto. Buona lettura!

Al momento, non si effettuano analisi del glutine (gliadina) sul prodotto finito e commercializzato, quindi non si dispone della relativa certificazione; per tale motivazione non si può garantire che la quantità di glutine sia al di sotto di 20 ppm (parti per milione), soglia prevista dal Regolamento CE 41/2009 relativo alla composizione e all’etichettatura dei prodotti alimentari adatti alle persone intolleranti al glutine.
 

Leggi le testimonianze di chi usa Carnidyn Plus e lasciaci anche la tua, se lo desideri!


Se sei uno sportivo puoi utilizzare l'integratore Carnidyn Plus per ottimizzare le tue energie, soprattutto dopo lunghi periodi di stop, e per arginare la sensazione di fatica. La modalità d’uso raccomandata di Carnidyn Plus rimane quella di 1-2 bustine al giorno per un massimo di 6/8 settimane, eventualmente da ripetersi 2/3 volte l’anno; oltre tali dosaggi è necessario il parere del medico curante. In casi di attività sportiva prolungata è opportuno assumere le bustine durante la giornata, qualche ora prima dell'attività fisica.


Leggi le testimonianze di chi usa Carnidyn Plus
 e lasciaci anche la tua, se lo desideri!


Le modalità d'uso consigliata per l'integratore Carnidyn Plus è di 1-2 bustine al giorno per un massimo di 6/8 settimane, eventualmente da ripetersi 2/3 volte l’anno; oltre tali dosaggi è necessario il parere del medico curante.


Scopri dove trovare l'integratore Carnidyn Plus


La cosiddetta “astenia aspecifica” rappresenta uno dei disturbi più comuni nella popolazione generalee insorge soprattutto nei soggetti che svolgono attività a scarso impegno o nei sedentari, sia uomini che donne, senza distinzione di sesso o di età.  

In questa nostra civiltà produttiva ed efficiente il sintomo stanchezza o “astenia” non ha trovato una adeguata attenzione sebbene sia uno dei disagi più frequenti lamentati dalla popolazione. Non è esattamente quantificabile la prevalenza nella popolazione poiché individui che la manifestano sono gli ipotesi costituzionali, i soggetti sottoposti a numerosi “stressor” cioè elementi provocativi di stress che se sufficientemente protratti conducono ad una fase di esaurimento caratterizzato oltre che dall’astenia anche da inappetenza, affaticamento muscolare, facilità a contrarre infezioni, herpes ricorrenti, ansia, irritabilità, insonnia e svogliatezza. Inoltre esistono i soggetti così detti, con un termine in voga nel secolo scorso, “neurastenici” nei quali l’ansia e la depressione si alternano associati a senso di angoscia, a non voglia di fare, e ad una importante sensazione di stanchezza, turbe del sonno e così via.

Le tipiche conseguenze dell'astenia aspecifica sono la riduzione della capacità di produrre lavoro da parte dei muscoli e la precoce insorgenza della sensazione di fatica indotta dall’attività fisica quotidiana.

Dal punto di vista fisiopatologico, l’interpretazione “tradizionale” correlava l’astenia alla semplice diminuzione (assoluta o relativa) dei substrati energetici rispetto alle richieste funzionali del tessuto muscolare; di conseguenza, si è ritenuto sino ad oggi sufficiente provvedere ad un “rifornimento” di substrati energetici per potere correggere questa anomalia e risolvere l’astenia.


In tale contesto, il ricorso ad un’adeguata integrazione e supplementazione alimentare di composti metabolici, vitamine, sali minerali ed oligoelementi appare in grado di fornire energia e migliorare le prestazioni muscolari. Più di recente, è emerso che, oltre alla diminuzione dei substrati energetici, esistono altri meccanismi alla base dell’astenia, in particolare una risposta lenta da parte del muscolo e la diminuzione dei meccanismi “defaticanti” (NH3, acido lattico), con conseguente rapida insorgenza
della fatica.


Di conseguenza, un approccio “moderno” al problema dell’astenia deve essere basato su una integrazione che, oltre a fornire i substrati energetici, sia in grado di attivare la risposta del muscolo e stimolare i meccanismi defaticanti. A tali esigenze risponde pienamente la nuova formulazione dell'integratore Carnidyn Plus, un supporto metabolico a base di acetil-L-carnitina taurinato, creatina, carnosina, vitamina E, selenio, zinco, potassio, magnesio, acido pantotenico, aspartato ed asparagina, in grado di correggere lo squilibrio tra fabbisogno di energia dell’organismo e la sua capacità di produrla o di utilizzarla.


Scopri le testimonianze di chi ha sconfitto l'astenia con Carnidyn Plus!


In gravidanza è importante rispettare un corretto e delicato equilibrio tra apporto calorico e valore nutrizionale, non esistono controindicazioni ma Carnidyn Plus non deve essere utilizzato in gravidanza senza sentire il parere del medico.


Leggi le testimonianze di chi ha provato Carnidyn Plus!


  • / 2



Utilizzando il nostro sito web dichiari di accettare e acconsentire all'utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso della cookie policy.
Se non acconsenti l'utilizzo dei cookies, occorre impostare il proprio browser in modo appropriato oppure non procedere con la navigazione su questo sito.
OK