dieta-prova-costume-vantaggi-e-svantaggi

I pro e i contro della dieta per la prova costume

Gli effetti sul nostro corpo del regime alimentare per arrivare in forma sulle spiagge

L’estate è in arrivo e, anche se gli sbalzi climatici ai quali il meteo ci sta abituando possono fare supporre il contrario, tra poco si tornerà sulle spiagge. Per rimettersi in forma e arrivare preparati all’estate, tuttavia, è necessario seguire un regime alimentare equilibrato, senza ricorrere a soluzioni drastiche. La rete è ricca di consigli di ogni genere e, più le promesse di perdere peso rapidamente sono altisonanti, maggiore è la risonanza mediatica. È necessario, tuttavia, valutare al meglio i pro e i contro di una dieta incentrata sulla prova costume, la quale, spesso, rischia di essere troppo sbilanciata. L’alimentazione, infatti, deve fornire carboidrati, grassi, proteine e tutti i micronutrienti, cioè vitamine, minerali, fibre e sostanze fitochimiche, nelle giuste proporzioni.

Non saltare né sostituire i pasti

Saltare i pasti, come noto, è controproducente. Non si ottiene altro che finire per mettersi a tavola affamati poche ore più tardi. Non tutti sanno, però, che non è corretto nemmeno sostituire un pasto completo con barrette energetiche o simili, se non per periodi limitati e all’interno di un regime dietetico ipocalorico controllato. L’insieme di vitamine e micronutrienti presenti nei pasti sostitutivi, spiega l’Istituto Superiore di Sanità, non riproduce sulla salute tutti gli effetti di una dieta sana e bilanciata. I cibi sono molto complessi dal punto di vista nutrizionale ed è impossibile inserire tutte le sostanze in essi contenute in una compressa, tavoletta o soluzione. Al contrario gli integratori sono utili in caso di aumentato bisogno di alcuni nutrienti, utili a dare maggiore energia durante una dieta un po’ severa.

La riduzione delle calorie

Per perdere peso è utile diminuire le calorie, ma è tuttavia consigliabile che a dare le indicazioni sia uno specialista che formuli una dieta personalizzata, perché dietro alla porta c’è il rischio di sviluppare carenze nutrizionali. In effetti, uno schema alimentare eccessivamente rigido e ipocalorico è controproducente: a diminuire non sarà la massa grassa, poiché l’organismo percependo il nuovo regime nutrizionale come digiuno, tende a conservare il tessuto adiposo che rappresenta la sua riserva energetica. Le conseguenze possono essere danni a carico della massa muscolare, oltre che un rallentamento del metabolismo, e quindi una diminuzione della perdita di peso.

Il taglio dei carboidrati

Da smentire, innanzitutto, l’errata convinzione che mangiare carboidrati faccia ingrassare. In realtà, dipende da quanti se ne introducono quotidianamente e di quante calorie totali si compone la dieta. Numerose diete dimagranti sono basate sulla diminuzione del consumo di carboidrati poiché in questo modo risultano più efficaci nella riduzione del peso corporeo rispetto a quelle povere in grassi. Il problema è che eliminare o ridurre in modo esagerato i carboidrati spinge l’organismo ad attivare meccanismi di compenso, che possono far aumentare le riserve di tessuto adiposo.

Diete iperproteiche

Oltre a quelle che prevedono il taglio generico delle calorie, esistono una vasta gamma di diete basate sulla riduzione o eliminazione di zuccheri (e quindi anche di frutta e verdura). Per lo più, queste diete iperproteiche sono poco salutari e poco efficaci nel tempo.

Le regole per una corretta dieta dimagrante

La Società Italiana di Nutrizione Umana (SINU) riassume così i punti più importanti dettati dalle linee guida per una corretta alimentazione:

  • Limitare gli alimenti ricchi in carboidrati (zuccheri) semplici come i dolci e le bevande zuccherate
  • Ridurre i grassi
  • Assumere un apporto di proteine adeguato
  • Aumentare il consumo di ortaggi, frutta e verdure
  • Preferire alimenti integrali
  • Bere più acqua e liquidi

Oltre a questi accorgimenti, tuttavia, quando si segue un regime alimentare ipocalorico è utile assumere un integratore alimentare ricco di nutrienti. Carnidyn Plus, ad esempio, vi aiuterà ad affrontare al meglio i vostri impegni quotidiani.